avvento letterario 2012

avvento letterario 2012
I calendari dell’Avvento letterario di Mare di Libri
Nel 2012 abbiamo pensato di regalarvi una novità, un vero consiglio utile per chi vuole regalare un libro e per i giovani lettori che il libro lo riceveranno. Ventiquattro consigli per letture che siano davvero un regalo, proposti da chi i libri li conosce bene: scrittori, librai, esperti di letteratura per ragazi accompagnati dall’identikit del lettore adolescente a cui regalarlo. Insomma, ventiquattro idee per ventiquattro incontri perfetti tra libro e lettore. Questa sì che è la magia del Natale!

Scarica il calendario 2012 completo in formato pdf.



24 dicembre

lo regalo a:
un lettore dai 13 anni, collaudato, amante dell’avventura, che abbia voglia di sognare terre lontane, fughe ed inseguimenti. Uno che non resiste al richiamo dell’orizzonte.

impacchettare con cura:
Il segreto d’Orbae, Francois Place, L’ippocampo

consiglio di:
Gianluca Guidomei
libraio, vicepresidente Mare di Libri e malato lettore
il_segreto_dorbae.jpeg
il libro:
Questa storia nasce dal ritrovamento di un libro misterioso, che racconta di una terra ignota e fantastica, avvolto in una tela straordinaria e preziosissima, capace di captare la luce e cambiare colore. Il giovane figlio di un mercante, Cornelius, che si affaccia alla vita con una famelica voglia di avventura non resiste alla tentazione e parte alla ricerca della montagna azzurra. Investe tutti i suoi risparmi e organizza una spedizione via terra. Raggiungerà il suo obiettivo? Ma c’è un’altra storia che si intreccia a quella di Cornelius.
La giovane bellissima Zihara è un’esule del mare, un’esploratrice, una cartografa delle coste e degli approdi. Una donna ardente che solca i mari di tutto il mondo conosciuto, non per raggiungere un obiettivo, ma per il gusto di andare. Una novella Ulisse. Altrettanto coraggiosa e ancor più affascinante. I due giovani si incontreranno in circostanze rocambolesche, si innamoreranno e ci racconteranno ognuno la loro storia. Due punti di vista differenti, per un unico entusiasmante libro di avventura, corredato da 18 splendide tavole illustrate dall’autore.

la citazione:
Il grande desiderio di nuovi orizzonti agisce su certe persone, non come un vento che soffia, ma come un richiamo che le ispira e le attira più che spingerle, e tale attrazione meravigliosa è mille volte più forte di tutte le ragioni che potrebbero costringerle a rimanere.


23 dicembre

lo regalo a:
un lettore dai 15 anni con la voglia di farsi ipnotizzare e trasportare dalla magia di un romanzo disegnato, uno dei fumetti più straordinari degli ultimi anni, poetico e pieno di energia. A chi ama la danza e ancor più a chi nemmeno la conosce: Polina è un vero terremoto interiore per chiunque.

impacchettare con cura:
Polina, Bastien Vivès, Black Velvet

consiglio di:
Nicola Galli Laforest
Hamelin associazione culturale
polina.jpg
il libro:
Polina danza da quando è piccolissima, forse per passione irrefrenabile, forse per necessità, senza averlo scelto. Qualcuno dice abbia un grande talento, altri che non ha la necessaria scioltezza, ma col passare del tempo il terribile professor Bojinsky seleziona proprio lei per proseguire su una strada per pochissime, fatta di enormi sacrifici, allenamenti stremanti e poco altro: niente tempo libero, niente vita privata, niente relazioni. Polina cresce, vede le migliori amiche mollare, fatica a farsi una vita sentimentale normale, viene inserita negli spettacoli più prestigiosi, e nell’ambiente si inizia a parlare di lei. Stringe i denti, lotta a testa bassa, ma rimane nelle sue giornate una malinconia costante che non le consente di dirsi davvero felice. Prova allora percorsi e scuole differenti, si trasferisce in altri paesi, rischia tutto con coraggio e determinazione, rinuncia a qualsiasi libertà. I nuovi maestri la spingono a dimenticare quello che ha imparato in passato, le impongono di cambiare radicalmente la tecnica, il modo di vedere il mondo, e quindi se stessa. E Polina non sa più capire chi è, e cosa vuole dalla danza e dalla vita. Fino a che il destino non le mette sulla strada il bivio giusto, quello che potrebbe finalmente far risplendere la sua luce.

la citazione:
Non serve a niente andare più in alto possibile se non ci si prende il tempo di contemplarlo. Allora quando è in alto, prenda tempo. Lo sguardo Polina! Contempli!


22 dicembre

lo regalo a:
un lettore o lettrice dai 13 anni, ma anche a una mamma, a una amica, uno zio, un amore, a chi voglia un libro che è un inno alla vita.

impacchettare con cura:
Colpa delle stelle, John Green, Rizzoli

consiglio di:
Vera Salton
libraia e lettrice ad alta voce, collaboratrice di Andersen
colpa_delle_stelle.jpg
il libro:
Una storia di amicizia, poi d’amore, fra due ragazzi, Hazel e Augustus, fatta di incontri, parole, sorrisi negli sguardi come lo sono le storie d’amore. Inizia perchè lui è amico di un ragazzo che lei conosce, fino a qui niente di nuovo, o forse tutto, come vale per ogni amore, ma qui entra in gioco la Vita, assurda e imprevedibile. Si conoscono fra ragazzi certo, ma in un gruppo di sostegno per ragazzi in cura per il cancro. E davanti a qualcosa che sembra non lasciarti scelta o decisione ecco che in modo limpido e necessario il mondo si presenta per come è, con la fragilità e la forza di ognuno, anche di quegli adulti che si pensano perfetti, come l’autore del libro che lei adora e fa leggere a lui. E nei giorni che passano, uno ad uno, si scopre che vivere davvero, un giorno o una vita, è vivere perchè si sceglie di Sentire, di rischiare, di esistere: e questo, solo questo conta.

la citazione:
Ci siamo messi davanti alla tivù, ma non riuscivamo a trovare niente da guardare, e così dopo un po’ sono andata a prendere la mia copia di Un’imperiale afflizione che avevo lasciato sul comodino, l’ho portata in salotto e Augustus Waters me l’ha letta mentre la mamma origliava preparando da mangiare.(…) Mentre leggeva, mi sono innamorata così come ci si addormenta: piano piano, e poi tutto in una volta.


21 dicembre

lo regalo a:
a un lettore dai 13 anni in su, a chi ama le storie fantastiche ma non fantasy, a chi ama e si sente strano, a chi è rimasto una notte insonne senza sapere perché, a chi legge le storie e pensa ai respiri che facciamo: butti dentro e butti fuori, ma non sai cosa succede a te durante queste due operazioni.

impacchettare con cura:
Terrestre, Jean-Claude Mourlevat, Rizzoli

consiglio di:
Guido Affini
libraio libreria Il Delfino di Pavia
terrestre.jpg
il libro:
La storia inizia con uno scrittore e non può essere diversamente. Lo scrittore è vecchio ed è già nonno, per cui non c’è nessuna immedesimazione. Ascolta i programmi culturali alla radio, sempre sul solito canale, sempre sulla stessa sintonizzazione. Ci passa le notti così. Un giorno, mentre è in macchina per un breve viaggio, incontra una ragazza, dell’età di sua nipote, 16 anni. Anne Collodi sta facendo autostop per andare in un posto che Virgil non ha mai sentito nominare. L’incontro con Anne è sorprendente, perché scopre una strada che non aveva mai notato, perché si accorge che con la ragazza riesce a parlare liberamente, perché la ragazzina ha uno scarabeo in mano, perché Anne racconta la storia di sua sorella che è stata rapita, secondo lei, e solo lei, il giorno del suo matrimonio un anno prima. La sorpresa dello scrittore aumenta quando dopo un paio di giorni ritorna su quella strada, dove ha incontrato Anne, e nel posto dove ha lasciato la sua passeggera, e qui non esiste più lo svincolo per Campagne, la direzione nella quale si era incamminata Anne.
Una allucinazione? Un sogno ad occhi aperti? O un mistero ancor più complicato? Sarebbero domande da scervellarsi nella propria stanza, fin quando a Virgil non arriva una strana chiamata. Non al telefono, ma attraverso la sua trasmissione radiofonica preferita, nel mezzo della notte. Attraverso la radio, Virgil afferra le parole, sussurrate, gracchiate e storpiate della ragazza, che lo chiama per essere aiutata. Allo scrittore non resta che correre verso quella strada che non c’è per aiutare una ragazza che neppure conosce bene.

la citazione:
Bisognerebbe dirsi solo cose personali. Tutto il resto non conta.