Qualcunoconcuicorrere

qualcunoconcuicorrere.jpg

qualcunoconcuicorrere.jpg

QUALCUNOCONCUICORRERE
Un laboratorio di lettura a scuola che diventa un blog.
 
1) Il vostro progetto in quattro righe: chi siete, cosa fate, dove lo fate.
MATTEO BIAGI: qualcunoconcuicorrere.org è un blog che nasce dall’esperienza di un laboratorio di lettura sperimentato nelle mie classi di scuola media, a Firenze. Ad un certo punto abbiamo sentito l’esigenza di creare uno strumento che ci permettesse di prolungare l’esperienza oltre i tre anni, continuando a consigliarci letture a vicenda e a parlare di libri, e di aprirla all’esterno. Nel mese di aprile, ad esempio, alcuni redattori condurranno dei reading presso la Biblioteca dei Ragazzi di Firenze.
MARGHERITA MARINI: Siamo un gruppo di giovani studenti “guidati” dal nostro professore di Italiano che ha ideato questo progetto due anni fa: scriviamo principalmente le recensioni dei romanzi che leggiamo, ma curiamo anche una rubrica in cui scriviamo gli incipit dei romanzi e una in cui postiamo booktrailer. Ci passiamo tutto il materiale via Internet, e devo ammettere che è davvero stimolante!

2) Come ne sei venuto a conoscenza? (per l’adulto: qual è il tuo ruolo?)

MATTEO BIAGI: io sono l’insegnante che ha ideato il progetto, che è stato possibile attuare grazie ad un gruppo di grandi lettori che continuano a discutere con me di libri ed a inviarmi recensioni anche ad anni di distanza (la redattrice più “anziana” ha 17 anni, ad esempio). Il mio ruolo è quello di coordinare le iniziative e di gestire praticamente il sito web.
MARGHERITA MARINI: Faccio parte della classe che ha iniziato a collaborare quest’anno, e sono tra quegli studenti che il prof. ha pensato di coinvolgere perché con il nostro punto di vista possiamo essere d’aiuto ai nostri coetanei di tutta Italia nella scelta di un libro. Al momento scrivo recensioni, ma presto inizierò a collaborare alla gestione del sito.

3) Il tuo ricordo più bello legato all’esperienza all’interno del progetto: un libro scoperto, un incontro particolare…
MATTEO BIAGI: Innanzitutto la possibilità di continuare a condividere l’entusiasmo, o la delusione per un libro letto con i miei ex alunni, e quella di scoprire autori nuovi grazie alle loro “dritte”. Per dirne una, senza questo progetto non avrei letto i romanzi di John Green. I momenti migliori spero debbano ancora arrivare: abbiamo molte collaborazioni in via di definizione, con librerie e biblioteche. In ogni caso, già vedere una nostra collaboratrice nella giuria dei dieci grandi lettori del premio Maredilibri è stata una bella soddisfazione.
MARGHERITA MARINI: Il libro più bello che ho scoperto grazie a questo progetto è senz’altro Ragazzo da parete di Stephen Chbosky. Il momento più bello? Sicuramente quando ho potuto vedere la mia recensione di Matched “retwittata” dall’autrice stessa. Mi ha dato la carica per continuare a recensire le mie letture.

www.qualcunoconcuicorrere.org FIRENZE

MATTEO BIAGI

MARGHERITA MARINI, 13 ANNI, III A scuola media “Artigianelli” Firenze