18-19-20 giugno 2021

Perché il nostro futuro dimende dalle biblioteche, dalla lettura e dall'immaginazione

Tradotti per voi

Neil Gaiman ha parlato dell’importanza della lettura il 13 ottobre 2013 per la Reading Agency a Londra. Il discorso ci è piaciuto molto e ci sembra così attuale che abbiamo deciso di tradurlo per voi. 

Qui potete leggere l’originale pubblicato dal giornale The Guardian.

Tempo di lettura: 4 minuti.

Le biblioteche hanno a che fare con la libertà. Libertà di leggere, libertà di pensare, libertà di comunicare. Hanno a che fare con l’educazione (che non termina l’ultimo giorno di scuola o di università), hanno a che fare con il divertimento, con il creare un luogo sicuro, con l’accesso all’informazione.

Temo che ora, nel XXI secolo, si possa fraintendere cosa siano le biblioteche e quale sia il loro scopo. Se pensiamo alla biblioteca come ad un mero insieme di libri, potrebbe sembrarci un concetto antiquato o anacronistico in un mondo in cui quasi tutti i libri esistono anche in digitale. Ma la biblioteca non è solo questo.

 

Continua a leggere…

Recensione a più voci

L'opposto

Mauro Scarpa, L’opposto, ReadredRoad
Età di lettura consigliata: da 11 anni

TRAMA
Inizio anni ’90. Francesco è una giovane promessa della pallavolo e sogna di poter arrivare ai più alti livelli del suo sport, come il suo idolo Andrea Zorzi, che si è appena laureato campione del mondo con la nazionale.
Passa le sue giornate a chiacchierare e bere birra nella piazza del paese con Antonio, a cui confida tutto, o quasi. Anche al suo migliore amico e compagno sul campo Francesco prova a nascondere l’enorme conflitto interiore che lo attanaglia: è omosessuale, e nonostante l’OMS abbia appena cancellato l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali, in molti la percepiscono ancora come tale; per questo motivo Francesco fatica ad accettarsi, a definire una propria identità.
Sarà grazie allo sport, all’amicizia e all’amore che Francesco inizierà un percorso di crescita che lo porterà ad imparare ad amarsi e a recuperare il suo posto nel mondo.