Andre Agassi

Andre Agassi tennista e autore

Biografia

Nato a Las Vegas il 29 aprile 1970, è considerato uno dei più forti tennisti di tutti i tempi e nel 2001 viene inserito nella International Tennis Hall of Fame. Ha vinto sessanta titoli ATP, 8 tornei dello Slam e una medaglia d’oro olimpica nel singolo, finendo inevitabilmente primo nel ranking mondiale.
Figlio di un appassionato di tennis, il suo futuro è già segnato dall’età di due anni, momento i cui prende in mano la racchetta per la prima volta. Il campione però non ricorda con felicità i suoi primi anni da tennista in erba, vissuti nella paura di deludere le enormi aspettative del padre. Gli allenamenti sono massacranti, ma il talento viene a galla sin da subito. Il giovane Andre partecipa al suo primo torneo professionistico di tennis all’età di sedici anni, vincendo però solo il primo incontro. Nel 1987 vince il suo primo torneo come professionista, chiudendo venticinquesimo nel ranking. La prima vera gioia avviene cinque anni dopo, quando vince il prestigioso torneo di Wimbledon. Riesce a competere ad altissimi livelli fino ai primi anni duemila, nonostante una carriera falcidiata dai problemi al polso. Nel 2006 dice definitivamente addio al mondo del tennis uscendo al terzo turno del torneo a lui più caro, l’US Open.
Nella sua autobiografia ammette di aver fatto uso di metanfetamine e di aver mentito all’ATP per evitare una squalifica. Questa rivelazione non rimane inosservata, tant’è che molti campioni del calibro di Roger Federer e Rafael Nadal si sono dichiarati molto delusi dal comportamento scorretto del loro idolo di gioventù.

Il libro Open: la mia storia è stato scelto per la gara di lettura del biennio delle scuole superiori per l’anno 2016/2017.

Bibliografia sintetica
Open: la mia storia, Einaudi

Andre Agassi

Tennista e Autore

Biografia

Nato a Las Vegas il 29 aprile 1970, è considerato uno dei più forti tennisti di tutti i tempi e nel 2001 viene inserito nella International Tennis Hall of Fame. Ha vinto sessanta titoli ATP, 8 tornei dello Slam e una medaglia d’oro olimpica nel singolo, finendo inevitabilmente primo nel ranking mondiale.
Figlio di un appassionato di tennis, il suo futuro è già segnato dall’età di due anni, momento i cui prende in mano la racchetta per la prima volta. Il campione però non ricorda con felicità i suoi primi anni da tennista in erba, vissuti nella paura di deludere le enormi aspettative del padre. Gli allenamenti sono massacranti, ma il talento viene a galla sin da subito. Il giovane Andre partecipa al suo primo torneo professionistico di tennis all’età di sedici anni, vincendo però solo il primo incontro. Nel 1987 vince il suo primo torneo come professionista, chiudendo venticinquesimo nel ranking. La prima vera gioia avviene cinque anni dopo, quando vince il prestigioso torneo di Wimbledon. Riesce a competere ad altissimi livelli fino ai primi anni duemila, nonostante una carriera falcidiata dai problemi al polso. Nel 2006 dice definitivamente addio al mondo del tennis uscendo al terzo turno del torneo a lui più caro, l’US Open.
Nella sua autobiografia ammette di aver fatto uso di metanfetamine e di aver mentito all’ATP per evitare una squalifica. Questa rivelazione non rimane inosservata, tant’è che molti campioni del calibro di Roger Federer e Rafael Nadal si sono dichiarati molto delusi dal comportamento scorretto del loro idolo di gioventù.

Il libro Open: la mia storia è stato scelto per la gara di lettura del biennio delle scuole superiori per l’anno 2016/2017.

BIBLIOGRAFIA SINTETICA

Open: la mia storia, Einaudi