I grandi lettori 2016

Francesco

Nome e cognome: Francesco Amodio

Data di nascita: 16 gennaio 2002

Classe, sezione, scuola: 1° M, Liceo Linguistico Internazionale “Gino Capponi” di Firenze

Da quando, quanto e quando leggi?
Ho coltivato questa passione fin dal momento in cui imparai a leggere, ho sempre amato la lettura e tuttora leggo ogni volta che ne ho l’occasione, che sia la sera dopo cena o dopo una mattinata pesante a scuola.

Cinque libri che hai amato tantissimo da quando eri bambino a oggi
Kate DiCamillo, Le Avventure del Topino Despereaux
K. Rowling, Harry Potter
Arthur Conan Doyle, Uno studio in rosso
Matthew Quick, Perdonami, Leonard Peacock
Kevin Brooks, Bunker Diary

Quali sono le tue passioni oltre la lettura?
Adoro la musica in senso lato, che si tratti di musica classica o di grunge. Suono il pianoforte, il violino e la chitarra. Amo in più la cinematografia e, se devo essere sincero, seguo anche parecchie (forse troppe) serie TV.

Una tua qualità e un tuo difetto
Credo che una qualità e un mio difetto siano che sono ambizioso, devo sempre raggiungere il massimo. Nei casi in cui questa caratteristica diventa determinazione, è vantaggiosa, non posso dire altrettanto dei casi in cui diventa solo pretendere troppo da sé stessi.

Un personaggio di un libro con cui vorresti trascorrere 24 ore
Credo che questo titolo potrebbe andare il egual modo a Leonard Peacock (dal romanzo Perdonami, Leonard Peacock di Matthew Quick) o a Alaska Young (dal romanzo Cercando Alaska scritto da John Green). Entrambi i personaggi mi hanno intrigato e incuriosito con il loro modo di essere e di pensare, ma credo che se dovessi sceglierne uno e uno soltanto, Leonard Peacock avrebbe la meglio su chiunque altro.

Una citazione che ti rappresenta
“You don’t know me at all, you never will” (Non mi conosci affatto, non mi conoscerai mai) – Effy Stonem nella serie TV Skins

Un mio ritratto

Il mio luogo preferito in cui leggere