I grandi lettori e le grandi lettrici 2022

Lavinia Santoro

Nome e cognome: Lavinia Santoro

Età: 14 anni

Scuola frequentata: Liceo e ITIS G. Ulivi (Borgo San Lorenzo, FI), indirizzo linguistico

Fai parte di un gruppo di lettura? 
Sì, qualcunoconcuicorrere di Firenzuola (FI)

Da quando, quanto e quando leggi? 
Da piccola non leggevo molto, anche perché non ero molto spronata a farlo dalle maestre delle elementari, guardavo le prime righe di un libro e lo buttavo subito via.
Penso che la mia passione per la lettura sia iniziata alle medie, già dalla prima, grazie al nostro professore di italiano, per il quale la lettura era estremamente importante.
Un altro fattore che mi ha aiutato è sicuramente il fatto di avere centinaia di libri a scuola da cui poter scegliere, e semplicemente sono diventata una lettrice accanita.
Adesso, ho iniziato il liceo, e lì lo spazio per la lettura è minimo, ma io cerco comunque di leggere il più possibile, in media leggo 4/5 libri al mese, senza contare tutti quelli che rileggo una seconda volta.
I momenti in cui mi piace leggere, non sono precisi, non ho una situazione precisa, semplicemente quando ho voglia leggo, soprattutto perché non deve essere mai forzato a parer mio.

Cinque libri che hai amato tantissimo da quando eri bambina a oggi
La saga di Harry Potter, di J.K. Rowling (da bambina, ma anche adesso)
La casa delle vacanze, di Clive Barker
The stone – La settima pietra, di Guido Sgardoli
L’ultima notte della nostra vita, di Adam Silvera
Naked, di Kevin Brooks

Quali sono le tue passioni oltre la lettura?
Adoro cucinare, trovo interessante il fatto che da tante o poche cose separate possono uscire un’infinità di combinazioni.
Mi piace suonare il pianoforte ed il basso, ed ovviamente amo ascoltare la musica, di ogni tipo.

Cosa cerchi in un libro di solito? Cosa deve avere per piacerti?
Per far sì che mi piaccia, ci devono essere tanti colpi di scena, odio il ritmo regolare che hanno alcuni libri, e odio soprattutto “lo scontato” fin dall’inizio.
Amo quando i libri non ti prendono all’inizio, forse è strano, ma è totalmente migliore partire con lo scoppio e finire con l’esplosione.
Perciò penso che alla fine un libro deve essere misterioso per piacermi.

Un personaggio di un libro con cui vorresti trascorrere 24 ore
Potrebbe essere strano, ma con il Signor Bennet di Orgoglio e Pregiudizio (Jane Austen).

Una citazione che ti rappresenta
“Non sono gay, ma vorrei esserlo solo per il desiderio di far incazzare gli omofobi” di Kurt Kobain.

Un mio ritratto