Top 5: educazione ai sentimenti

TOP 5: EDUCAZIONE AI SENTIMENTI
[space height=”15″]

I sentimenti, le relazioni, sono qualcosa di delicato, da affrontare sfiorandoli senza pretendere di insegnare nulla a nessuno: eppure educare ai sentimenti è anche fondamentale, soprattutto nell’età in cui i filtri e le barriere poste dagli adulti cominciano a sgretolarsi e, quando ci si ritrova a dover affrontare la realtà, si cerca di estrarre gli strumenti adatti per farlo… sempre che ci siano stati dati.
In questi cinque libri si parla di rapporti, di relazioni, di equilibri tra persone e di tutti quei casi in cui gli equilibri si rompono e, come tutti i migliori libri, lasciano tante domande su cui riflettere.

[space height=”15″]
Bulli e pupe, di Alberto Pellai, Feltrinelli
Perché: è un libro che aiuta i lettori maschi a diventare chi vogliono essere e non ciò che la pressione sociale e il mercato, a volte, li costringono a essere. Un libro che fa riflettere e che insegna come sconfiggere il bullismo, l’omofobia, ad andare oltre la legge del taglione e il ricorso alla violenza come strategie di soluzione del conflitto.
Ma questo libro non sarebbe completo senza l’elemento femminile: ogni capitolo infatti si apre con una descrizione di quel che le ragazze vedono quando osservano il comportamento dei maschi. Il loro punto di vista spesso incredibilmente distante da quello maschile può essere un’occasione di riflessione e forse una traccia da seguire per cambiare.
[space height=”5″]
Dai 13 anni
[space height=”15″]
Chiamarlo amore non si può, AA.VV., Casa Editrice Mammeonline
Perché: 23 autrici, ispirate dal testo di una canzone di Edoardo Bennato, decidono di raccontare, “senza veli”, ai ragazzi e alle ragazze quali che sono le conseguenze dell’amore “criminale”, le condizioni alla base di fatti terribili come la violenza sulle donne e il femminicidio; 23 voci diverse, 23 stili di scrittura diversi, raccontano gli orrori subiti da donne, ragazze e molto spesso da bambine; storie grazie alle quali  giovani lettori e lettrici possono interrogarsi con l’intento di sfatare gli stereotipi che rovinano i rapporti fra i due sessi.
[space height=”5″]Dai 15 anni
[space height=”15″]
Nemmeno con un fiore, di Fabrizio Silei, Giunti
Perché: un racconto delicato sulla violenza in famiglia, vissuto dal punto di vista del figlio minore, Nicola, che ha una sorella più grande e testarda, una mamma un po’ sbadata e un padre supereroe che li protegge tutti. Le certezze di Nicola sull’amore che prova verso il padre iniziano a sgretolarsi con l’arrivo di una senzatetto proveniente dall’Est, salvata dalla madre che non vuole abbandonarla al suo destino: sarà a questo punto che molte verità oscure verranno a galla.
[space height=”5″]Dai 15 anni
[space height=”15″]
Woody, di Federico Baccomo, Giunti
Gli occhi della creatura più fedele che si possa immaginare, testimone di una delle realtà più drammatiche, che vede come vittima la sua amata padrona.
Il sincero e puro stupore del cane, che di queste cattiverie umane non può avere conoscenza, ci mette davanti alla loro totale insensatezza, in un libro che sa anche essere dolce, divertente, e molto profondo.
[space height=”5″]Dai 13 anni
[space height=”15″]
Solo per sempre tua, di Louise O’Neill, il Castoro
Perché: è una storia forte, raccontata da Freida, che come tutte le altre ragazze progettata per essere carina, gentile, disponibile, la donna dei sogni di uno degli Eredi. La concorrenza è spietata, in una sfida in cui si perdono totalmente i valori dell’amicizia, in cui conta soltanto avere il trucco più bello e il vestito più alla moda. E soprattutto, essere le più magre. In questo romanzo, Louise O’Neill mette alla luce gli aspetti più terrificanti della nostra odierna società, dalla fissazione per il fisico, alla falsità nei confronti di altre ragazze “rivali”.
[space height=”5″]Dai 15 anni